Rosmarino

Rosmaninus officinalis   

Ros marinus significa “rugiada marina”, forse proprio perché i litorali marini costituiscono il miglior habitat per questa pianta. Officinalis perché è sempre stata un’erba utilizzata nelle antiche farmacie.

Per gli antichi egizi rappresentava l’immortalità, tanto è vero che se ne metteva una manciata in mano al defunto per facilitarne il viaggio nell’oltretomba. Da sempre è considerata una pianta di buon auspicio, sincerità, fedeltà e felicità e si usava infatti dare al pastore officiante un matrimonio un mazzo di rosmarino.

Il rosmarino migliora la circolazione del sangue e aiuta soprattutto chi si sente privo di forze per stanchezza, cali di pressione e d’ umore. Grazie a potenti antiossidanti come i flavonoidi, il rosmarino riequilibra e disintossica il fegato, l’ organo che risente maggiormente delle tensioni e dello stress.

Usata come stimolante ed antispasmodico, ha anche effetti stomachici, carminativi, coleretici.

Ad uso esterno è cicatrizzante.